.

.

Camon Dentifricio in Pasta per Cani

Dentifricio in Pasta

Per prevenire la formazione della placca e le pericolose conseguenze a cui essa può portare è necessario combattere i fattori che portano alla sua formazione, e cioè le proliferazioni batteriche e la cattiva igiene orale.

6,20 €
Tasse incluse
peso
  • 70 gr
Quantità
Spedizione in 1-2 giorni lavorativi

Prodotto Spedizione Prezzo Q.ta Aggiungi Aggiungi

Dentifricio in Pasta

QPIT-4491
8019808113159
Dentifricio in Pasta 70 gr
rif: G867

Spedizione :

Prezzo : 6,20 €

Spedizione in 1-2 giorni lavorativi


6,20 €

Leggenda Disponibilità:

Spedizione in 1-2 giorni lavorativi
Spedizione in 3-5 giorni lavorativi
Esaurito

Camon Dentifricio in Pasta

Dentifricio per cani

 

Camon Dentifricio in pasta è l'ideale per prevenire la formazione della placca e le pericolose conseguenze a cui essa può portare è necessario combattere i fattori che portano alla sua formazione, e cioè le proliferazioni batteriche e la cattiva igiene orale.

La salvia è uno dei suoi ingredienti principali, di cui sono note le proprietà purificanti ed astringenti.

L’Argilla ed il biossido di titanio assicurano una perfetta pulizia svolgendo una delicata azione abrasiva, senza alterare lo smalto dei denti, e sbiancante.

Gli oli essenziali di limone, di lichene bianco, anice stellato, acacia, glicerina e lavanda, potenziano e sinergizzano l’azione sanitizzante e cicatrizzante della salvia, attivano e potenziano le difese immunitarie.

La sinergia dei vari ingredienti permette a Camon Dentifricio in pasta di corregge l’alitosi, attenuare gli arrossamenti del cavo orale e mantenere i denti bianchi e protetti.

 

QPIT-4491

Riferimenti specifici

ean13
8019808113159

Recensioni

Nessuna recensione al momento

Scrivi la tua recensione

Dentifricio in Pasta

Per prevenire la formazione della placca e le pericolose conseguenze a cui essa può portare è necessario combattere i fattori che portano alla sua formazione, e cioè le proliferazioni batteriche e la cattiva igiene orale.

Scrivi la tua recensione